Menu
INTERVISTE

Silvia Fiorin produttrice di prosecco

Intervista a Silvia Fiorin imprenditrice agricola e produttrice del prosecco Naolta.

Silvia Fiorin e’ una giovane donna della provincia di Treviso, una produttrice di prosecco che vive e lavora tra le dolci colline di Conegliano e Valdobbiadene.

Che  non ha esitato ad abbandonare una carriera di successo per tornare alla terra.

Nell’azienda ereditata dalla famiglia Silvia ,assieme al marito Nicola,si dedica alla produzione  di kiwi, frutta, ortaggi, mais, uve.

Uve con le quali Silvia Fiorin produce il prosecco NAOLTA(in veneto significa una volta).

Un vino frizzante che omaggia la tradizione di far rifermentare il vino dopo Pasqua, seguendo la tradizione e le lune.

Il vino in questo modo mantiene il tipico sedimento sul fondo.

A questo si affianca anche  l’allevamento di bestiame per la produzione di carne.

Insomma,Silvia non ha certo il tempo di annoiarsi!

Dove regna il vino non regna il silenzio

Ciao Silvia sei imprenditrice agricola e produttrice di prosecco( e non solo).

So che in una vita precedente facevi tutt’altro.Mi vuoi parlare di te e di quello che facevi prima?

 Fino al 2003 gestivo una catena di boutique perché nell’ azienda di famiglia lavorava mio fratello.

In quanto donna non mi era mai stato chiesto se fossi interessata a fare questo lavoro ed e’ sempre sembrata a tutti la scelta più ovvia.

Sono cresciuta tra gli animali e la natura e ho sempre amato questo mondo, ma avevo preso una strada diversa e avevo studiato lingue pensando di fare tutt’altro.

Ma si sa la vita spesso ha altri piani per noi.

Quando mio fratello abbandonò l’azienda perché semplicemente non amava più questo lavoro, io  non ho esitato nemmeno per un secondo.

Ho lasciato il mio lavoro e sono tornata alle origini. Non avrei mai potuto permettere che la nostra tenuta fosse venduta ad altri.

#silvia fiorin#produttrice# prosecco

Tempo di vendemmia

Come mai hai deciso ti tornare alla terra a di gestire l’azienda agricola con tuo marito?

Il lavoro che facevo era ben retribuito e avevo moltissime soddisfazioni personali ed economiche.

 Ma rimanevo pur sempre una dipendente e mi mancava il contatto con la natura.

 Perciò quando mio fratello ha lasciato l’ azienda non ho esitato un secondo a tornare tra i campi, anche per dare la possibilità a mia figlia di crescere in modo semplice e vero.

#silvia fiorin#produttrice#prosecco

Silvia col marito

La vita dell’imprenditore agricolo non è facile. Bisogna mettere in conto tante ore di lavoro, spesso senza sabati né domeniche o ferie. Non è una vita per tutti. Sei soddisfatta della scelta fatta o qualche volta torneresti indietro? Rimpiangi mai il tuo passato?

 La mia vita è un gioco ad incastro, la sveglia d’estate è alle 4 del mattino e non ci sono tempi morti.

Gli animali vanno seguiti tutti i giorni, non ci sono sabati, domeniche o vacanze ma tutto questo non mi pesa, quando fai un lavoro per passione.

Soprattutto quando il tuo lavoro diventa la tua filosofia di vita e il tuo quotidiano, non si possono avere rimorsi per la scelta fatta.

Certo, prima avevo più tempo per me.

Ma  quando concepisci, come nel mio caso, un’ azienda agricola come una visione d’ insieme dove crei un equilibrio giornaliero tra gli animali, le piante e l’ uomo, non puo’ pesarti cio’ che fai.

#silvia fiorin#produttrice# prosecco

Nella stalla

Tu hai una figlia adolescente. Speri che segua le tue orme?

 Mia figlia Asia ha 17 anni ed  è cresciuta come me tra gli animali e con le mani perennemente nella terra.

Quando ha dovuto scegliere che scuola superiore frequentare la sua risposta e’ stata agraria.

Al momento io e mio marito abbiamo cercato di dissuaderla in tutti i modi perché temevamo fosse una scelta obbligata.

Ma il tempo le ha dato ragione  e sono felice che l’ azienda e il nostro progetto cresca con lei.

Questo diventa un nuovo stimolo anche per me, per fare sempre meglio.

Nella tua azienda non si produce solo vino, ma anche ortaggi, frutta, erbe e spezie spesso difficili da trovare. Fai marmellate e conserve. Dove trovi l’energia per fare tutto ciò?

 In effetti coltiviamo mille cose, abbiamo kiwi, vigneti, cantina, mais, orzo e fieno che servono per le nostre mucche.

E ancora olive, tartufo, orto e frutteti in biodinamica e erbe officinali .

Queste colture  assorbono tutto il nostro tempo.

 I nostri giorni sono un lavoro d’ incastro per riuscire a seguire tutto nei tempi giusti  e sempre rispettando la natura.

Spesso e’ difficile: ad esempio durante la raccolta delle olive o le vendemmie non abbiamo nemmeno il tempo di dormire.

Ma tutta questa fatica e’ ripagata quando vedo che quello che mangio e’ quasi tutto autoprodotto.

Quando capisco che sto preservando un territorio che mi e’ stato dato in eredita’ e che devo passare a mia figlia.

Così  il sogno di un’ azienda agricola completa si sta sempre più avverando.

#silvia fiorin#produttrice# prosecco

L’amore per la terra da sempre buoni frutti.

Che consigli daresti a una persona che voglia seguire le tue orme?

 A chi vorrebbe fare questo lavoro consiglio di studiare le basi dell’ agronomia,

Consiglio di girare tante aziende agricole per capire qual è l’ approccio che vuole avere con la natura.

Dico  di mettere in conto che fare il contadino e’ come diventare genitore di un figlio, che va accudito e rispettato, tutti i giorni.

Come un figlio  viene prima di te in ogni momento.

#silvia fiorin#produttrice# prosecco

Il buonumore in vigna non manca!

Dimmi l’ultima volta che sei stata in vacanza.

L’ ultima volta che sono riuscita ad andare in vacanza è stato  a novembre del 2019, dopo aver venduto le mucche in stalla siamo riusciti a scappare 5 giorni a Santo Domingo.

Un tuo pregio e un tuo difetto.

I  miei pregi sono la perseveranza, la curiosita’ e la testardaggine, che e’ anche il mio piu’ gran difetto.

Se fossi un vino saresti….

 Sarei certamente un vino naturale con le bolle come il nostro col fondo, la vita deve essere frizzante sempre!

#silvia fiorin#produttrice# prosecco

Fiori e pomodori dell’orto biodinamico

Grazie a Silvia per questa bella intervista.

Fa sempre piacere sapere che ci sono donne tenaci e perseveranti che portano avanti dei bei progetti.

A queste donne io voglio dare risalto nelle mie interviste.

Perche’ davvero noi donne abbiamo la possibilita’ di cambiare il mondo!

E se vi capita compratelo il suo vino! E’ davvero buono e frizzante, come deve essere la vita e come lo è Silvia Fiorin, la nostra produttrice di prosecco.

2 Comments

Leave a Reply